Disturbi dell'udito associati alla paralisi cerebrale

Colpa medica e responsabilità medico-sanitaria

La paralisi cerebrale infantile (PCI) è un disturbo non progressivo che colpisce il controllo motorio. Anche se i fattori genetici e ambientali possono entrambi svolgere un ruolo, la paralisi cerebrale è più spesso causata da danni al cervello di un bambino che si verificano durante la gravidanza, la nascita o il periodo neonatale.

Anche i tipi di danno cerebrale che possono causare paralisi cerebrale possono causare danni all'udito. Si stima che il 10-20% dei bambini con paralisi cerebrale abbia qualche forma di danno uditivo e il 5% sia sordo (1).

Tipi di compromissione dell'udito

I bambini con paralisi cerebrale possono essere affetti da perdita dell'udito conduttivo (CHL), perdita dell'udito neurosensoriale (SNHL) o da una combinazione dei due (perdita dell'udito mista). L'ipoacusia conduttiva influisce sulla conduzione del suono attraverso l'orecchio esterno e medio (2). Può coinvolgere il condotto uditivo, il timpano e le minuscole ossa chiamate Martello, Incudine e Staffa (3). L'ipoacusia neurosensoriale può causare danni ai recettori neurali dell'orecchio interno (coclea), alle vie nervose del cervello e alle parti del cervello che elaborano il suono (2). In generale, l'ipoacusia neurosensoriale è più grave e più difficile da trattare rispetto alla perdita dell'udito conduttivo.

Disturbi dell'udito e paralisi cerebrale: cause e fattori di rischio

Esistono molte cause diverse di perdita dell'udito, che vanno dalle infezioni altamente curabili al trauma cranico (3). Nei bambini con paralisi cerebrale, l'ipoacusia è spesso associata all'encefalopatia ipossico-ischemica (HIE), a un peso alla nascita molto basso (VLBW) e alla nascita estremamente prematura (2; 4). Nella popolazione generale, circa il 50% dei casi di sordità neurosensoriale coinvolge disturbi genetici. Tuttavia, tra i bambini con paralisi cerebrale, sono più probabili cause non genetiche. Questi includono:

  • Insulti ipossico-ischemici (eventi che determinano una privazione dell'ossigeno)
  • Bilirubina elevata / kernittero
  • Lesione della sostanza bianca periventricolare
  • Infezione post neonatale
  • Otite media ricorrente (infezione dell'orecchio medio)
  • Farmaci ototossici

La ricerca ha dimostrato che la perdita dell'udito è più comune nelle forme discinetiche e ipotoniche della paralisi cerebrale e nei bambini con disabilità motorie più gravi o estese. È anche correlata con disabilità intellettive e disabilità visive (2).

Diagnosi di disabilità uditive

La diagnosi precoce di deficit uditivo può massimizzare le abilità linguistiche del linguaggio del bambino, lo sviluppo cognitivo e le abilità psicosociali. Tutti i neonati dovrebbero essere sottoposti a screening per la perdita dell'udito; i bambini con paralisi cerebrale dovrebbero inoltre ricevere almeno una consulenza audiologica. I professionisti affermano che ciò dovrebbe verificarsi all'età di 20 -30 mesi, o prima se ci sono dei primi segni di compromissione dell'udito (1). Le valutazioni dell'udito in fase iniziale possono classificare le perdite uditive come conduttive, sensomotorie o di tipo misto. L'audiometria può anche essere utilizzata per valutare la gravità della perdita uditiva e determinare se è stabile, progressiva o fluttuante. Di solito, i test dell'udito sono comportamentali, ma i bambini con gravi disabilità motorie e / o cognitive potrebbero non essere in grado di comunicare con i medici e richiedere la valutazione tramite la valutazione fisiologica del sistema uditivo (2).

Gestione della compromissione dell'udito

Gli interventi per la perdita dell'udito variano notevolmente a seconda della natura della menomazione e della causa sottostante. Di seguito si elencano alcuni possibili trattamenti e soluzioni:

  • Antibiotici o farmaci antifungini per curare le infezioni
  • Corticosteroidi per ridurre l'infiammazione e il gonfiore della coclea
  • Interventi chirurgici per correggere malformazioni o lesioni
  • Apparecchi acustici
  • Dispositivi per impianti cocleari
  • Prevenzione degli insulti ischemici ipossici

Oltre ai trattamenti medici e alle forme di tecnologia assistiva come gli apparecchi acustici e gli impianti cocleari, i bambini con problemi di udito possono trarre beneficio dalla terapia del linguaggio parlato. Tale terapia può aiutare a migliorare la comunicazione e le abilità sociali. I bambini sordi o con gravi problemi di udito possono richiedere istruzioni in lingua dei segni e dispositivi di comunicazione aumentativa e alternativa (CAA).

Disabilità uditive e negligenza medica

A volte, i bambini sviluppano paralisi cerebrale e disturbi dell'udito associati nonostante abbiano ricevuto cure mediche da professionisti competenti che hanno fatto tutto quanto in loro potere per prevenire danni al bambino. Sfortunatamente, queste condizioni possono anche derivare da atti di malasanità. Ad esempio, medici e infermieri potrebbero non riuscire a monitorare e / o rispondere in modo appropriato ai segni di sofferenza fetale. Tali circostanze costituiscono indicano che un bambino viene privato di ossigeno e necessita di un intervento immediato (come un taglio cesareo d'urgenza). Altri comportamenti problematici includono la deviazione dallo standard di cura in una gravidanza ad alto rischio, l'induzione di travaglio quando non è sicuro farlo, o l'uso di strumenti di assistenza alla nascita rischiosi come il forcipe e la ventosa ostetrica quando non sono indicati.

Assistenza legale

Gli avvocati di GRDLEX hanno anni di esperienza nel contenzioso in caso di malasanità nel parto o nel periodo neonatale. Per scoprire se le condizioni del bambino potrebbero essere il risultato di colpa medica, contatta il nostro studio per una analisi gratuita del caso. Diamo un'attenzione particolare ad ogni bambino e famiglia che aiutiamo, e percepiamo il compenso solo in caso di vittoria.

CONSULENZA GRATUITA

Per una consulenza gratuita contatta GRDLEX con una delle seguenti modalità:

TOP
Consulenza Gratuita Ora