Grande circonferenza della testa del feto e aumento del rischio di lesioni alla materia bianca e paralisi cerebrale infantile

Colpa medica e responsabilità medico-sanitaria

Uno dei principali fattori di rischio di paralisi cerebrale infantile è il danno alla sostanza bianca del cervello. Nei neonati pretermine, il danno alla sostanza bianca spesso deriva da asfissia (privazione di ossigeno), ma nei neonati a termine la causa del danno può essere talvolta difficile da determinare. Tuttavia, una nuova ricerca di Arne Jensen e Bert Holmer, pubblicata su Obstetrics and Gynecology International, fornisce prove che il danno alla sostanza bianca è spesso il risultato della sproporzione cefalopelvica (CPD) e del travaglio prolungato.

La sproporzione cefalopelvica è una complicazione in cui la testa del bambino è troppo grande per adattarsi in modo sicuro attraverso il bacino della madre. La CPD può causare il travaglio prolungato e l'encefalopatia ischemica da compressione cerebrale, un tipo di danno cerebrale neonatale derivante da un'eccessiva pressione sulla testa del bambino.

Panoramica dello studio

Jensen e Holmer hanno condotto degli screening con ultrasuoni cranici sui neonati durante il periodo neonatale. Screenings ripetuti sono stati effettuati su bambini che mostravano segni di anomalie craniche. Hanno anche raccolto dati ostetrici dalle cartelle cliniche ostetriche e neonatali, comprese informazioni sulle dimensioni complessive e le circonferenze della testa dei bambini.

Gli autori hanno scoperto che l'1,3% dei neonati aveva danni alla sostanza bianca, ma che alcuni di loro erano asintomatici. I neonati con circonferenza della testa piccola (al di sotto del 10 ° percentile) o circonferenza della testa grande (sopra il 75 ° percentile, ma soprattutto sopra il 90 ° percentile) erano ad aumentato rischio di subire danni alla sostanza bianca. I bambini piccoli mostravano probabilmente alcuni sintomi di lesione cerebrale, ma i bambini con una grande circonferenza della testa e danni alla sostanza bianca erano talvolta "clinicamente insignificanti". Nei neonati al di sopra del 75 ° percentile per la circonferenza della testa, a volte si verificava un danno alla sostanza bianca in assenza di asfissia.

L'insegnamento dello studio: circonferenza cranica e paralisi cerebrale

Gli autori suggeriscono che la sproporzione cefalopelvica che porta al travaglio prolungato, alla compressione cerebrale e al danno alla sostanza bianca potrebbe essere "l'anello mancante tra l'insulto che sfugge alla diagnosi e inspiegabili ritardo dello sviluppo e paralisi cerebrale nell'infanzia". Inoltre, notano che questa tipo di nesso causale potrebbe anche spiegare perché la paralisi cerebrale è più comune nei maschi rispetto alle femmine (i bambini maschi tendono ad avere una circonferenza della testa più grande).

Jensen e Holmer scrivono che: "È auspicabile che questa scoperta contribuisca a prevenire in parte il danno alla sostanza bianca in futuro attraverso un'appropriata gestione ostetrica dei bambini che presentano una circonferenza della testa ampia o, se ciò non è possibile, attraverso la diagnosi ed il trattamento tempestivi".

Sproporzione cefalopelvica, malasanità e paralisi cerebrale

In generale, un'appropriata gestione della sproporzione cefalopelvica comporta un parto cesareo. Sfortunatamente, i medici spesso non riescono a eseguire le il taglio cesareo in modo tempestivo, permettendo invece di prolungare il travaglio. Un altro errore comune è la prescrizione di un farmaco che aumenta il travaglio come l'ossitocina, che è generalmente rischiosa (può portare a tachisistole uterine e altre complicazioni pericolose) ma soprattutto fortemente sconsigliata nei casi di sproporzione cefalopelvica.

I medici dovrebbero seguire quanto prescritto dalle leges artis della medicina nella gestione della sproporzione cefalopelvica. La deviazione dallo buona pratica medica costituisce una condotta colposa e, se questa condotta porta a danni permanenti, configura la responsabilità del medico e/o della struttura sanitaria.

Assistenza legale per paralisi cerebrale e altre lesioni alla nascita

Se il tuo bambino ha una paralisi cerebrale infantile o un'altra disabilità dello sviluppo, e ritieni che possa essere il risultato di una condotta medica censurabile durante il parto, gli avvocati per danni da parto di GR Danni da Parto potrebbero essere in grado di aiutarti. Per capire se potresti aver diritto al risarcimento, contatta il nostro studio per parlare con uno dei nostri avvocati. Lo studio ha trattato e concluso con successo importanti casi di danni alla nascita facendo ottenere agli assistiti risarcimenti milionari.

Il compenso di tutto il nostro staff non deve essere pagato finché non si vince il caso. Diamo attenzione personale a ogni bambino e famiglia che aiutiamo e siamo disponibili 7 giorni su 7.

Fonti

  • Jensen, Arne, and Bert Holmer. “White Matter Damage in 4,725 Term-Born Infants Is Determined by Head Circumference at Birth: The Missing Link.” Obstetrics and Gynecology International 2018 (2018).
  • Schifrin, Barry S., Pierre Deymier, and Wayne R. Cohen. “Cranial compression ischemic encephalopathy: fetal neurological injury related to the mechanical forces of labor and delivery.” Stress and Developmental Programming of Health and Disease: Beyond Phenomenology. Nova Science Publishers, Inc., 2014.

CONSULENZA GRATUITA

Per una consulenza gratuita contatta GRDLEX con una delle seguenti modalità:

TOP
Consulenza Gratuita Ora