Citomegalovirus e Paralisi Cerebrale Infantile

A causa delle sue conseguenze e complicazioni devastanti, è fondamentale che l'infezione da CMV sia correttamente diagnosticata e trattata

Il Citomegalovirus, appartenente alla famiglia degli herpes virus, è un’infezione relativamente frequente tra le donne in età riproduttiva. La storia naturale dell’infezione non è ancora del tutto chiara; la donna in gravidanza può contrarre l’infezione primaria (quando è acquisita per la prima volta) o secondaria (per riattivazione del virus latente o reinfezione da nuovo ceppo). La trasmissione verticale dalla madre al feto è un rischio possibile che presenta una frequenza del 30-40% nella forma primaria e del 0,5-2% in quella secondaria .

  • La diagnosi di infezione materna primaria da CMV in gravidanza dovrebbe essere basata sulla comparsa di IGG virus-specifiche nel siero di una donna in precedenza sieronegativa o sulla rilevazione di anticorpi IGM specifici associati con IGG a bassa avidità. In caso di infezione primaria materna, i genitori dovrebbero essere informati che il rischio di trasmissione e di infezione fetale intrauterina è elevato (30-40%) e –soprattutto – del rischio di sequele dopo la nascita (ritardo mentale, ritardo psicomotorio, disturbi dell’apprendimento, autismo, epilessia, paresi ) compreso tra il 20-25%.
  • Invece, la diagnosi materna di infezione secondaria dovrebbe essere basata su un aumento significativo del titolo anticorpale IGG, o o senza la presenza di IGM e IGG ad alta avidità. In quest’ultimo caso il rischio di infezione fetale è più basso, ma pur sempre presente.

Ad ogni modo, per lo studio del feto ci si può avvalere della diagnosi prenatale invasiva (amniocentesi) indicata solamente in caso di infezione primaria, o dell’esame ecografico che consente – mediante valutazione di anomalie cerebrali o intestinali – di valutare il possibile coinvolgimento fetale e, soprattutto, di monitorare il feto nel tempo.

Linee guida e buone pratiche mediche

Lo screening di routine per CMV in gravidanza è, ad oggi, suggerito, ma non raccomandato : le “Linee guida sulla gravidanza fisiologica” del Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità e CeVEAS, 2010, rev. 2011 “non prevedono l’offerta dello screening sierologico per CMV a tutte le donne in gravidanza, ma solo a quelle in condizioni di rischio, cioè alle donne che sviluppano una malattia simil-influenzale durante la gravidanza, alle lavoratrici sieronegative che hanno in custodia dei bambini, alle donne in gravidanza che hanno un bambino in asilo nido o dopo il rilevamento dei segni ecografici indicativi di infezione da CMV”.

Tuttavia, essendo considerevole l’impatto di questa infezione sulla salute pubblica, la sierologia materna per CMV in gravidanza viene diffusamente e fortemente consigliata, con conseguenti ricadute diagnostico-assistenziali sui neonati: in caso di sospetta/accertata infezione da CMV in gravidanza (primaria o non primaria) e/o sospetto clinico neonatale, le Linee Guida consolidate affermano la necessità di procedere alle indagini neonatali per la diagnosi di infezione congenita da CMV che, se confermata, deve dar luogo a valutazioni clinico-laboratoristico- strumentali atte a definire il coinvolgimento di organi ed apparati e, ove indicata, iniziare la terapia sul neonato.

La terapia antivirale, che si avvale della somministrazione endovenosa di Ganciclovir (o la sua formulazione orale Valganciclovir), inibisce la replicazione virale attenuando fino ad inibire l’attività lesiva del virus. Se iniziata entro il I mese di vita, essa previene efficacemente il deterioramento della funzione psico-motoria ed uditiva, migliorando l’outcome neurologico a distanza dei neonati infetti.26,27,28,29.
Attualmente non vi sono dati certi circa l’efficacia del il trattamento iniziato dopo il mese di vita.
La tempestività e l’accuratezza della diagnosi sono dunque elementi indispensabili a garantire la precocità e l’efficacia della terapia, ed il limitare di danni al neonato come la meningoencefalite e la tetraparesi spastica.

Avvocati con esperienza in casi di Paralisi Cerebrale Infantile causata da CMV| Assistenza legale su tutto il territorio nazionale

Se tu o il tuo bambino ha subito lesioni che potrebbero essere state causate da errori commessi nello screening o nella somministrazione di terapie non adeguate in casi di infezione da CMV, dovresti al più presto rivolgerti ad un avvocato specializzato in negligenza medica.

Contatta GRDLEX. I nostri avvocati specializzati in lesioni subite dalla mamma o dal neonato a causa di errori commessi nell’individuazione o nelle terapie adottate in casi di infezione delle vie urinarie o vaginosi batterica , ti diranno, con l’ausilio del nostro staff di medici neonatologi e ginecologi, se potrai aver diritto ad un risarcimento dei danni subiti da te e dalla tua famiglia a causa di errori del personale medico durante il parto.

Lo studio GRDLEX è sito in Roma e segue i propri clienti su tutto il territorio nazionale.

Importante: tutta la procedura non ha alcun costo. Dovrai pagarci solo se e quando otterrai il risarcimento.

Per una consulenza gratuita contatta GRDLEX con una delle seguenti modalità:

TOP
Consulenza Gratuita Ora