Paralisi cerebrale infantile: si può guarire?

La paralisi cerebrale infantile (PCI) è un tipo di disturbo motorio caratterizzato da movimenti anomali o involontari. È spesso causata da danni cerebrali occorsi durante o intorno al periodo della nascita, a causa di fattori come la mancanza di ossigeno, ed è considerato un danno da parto (1).

Allo stato attuale, non esiste una cura per la paralisi cerebrale infantile, né è possibile guarire se si è affetti da tale condizione.

Tuttavia, la ricerca sulla terapia con cellule staminali suggerisce che tale terapia, avendo il potenziale per rigenerare le cellule cerebrali danneggiate, potrebbe essere un'importante modalità di trattamento nel futuro (2).

Trattamenti e terapie per la paralisi cerebrale

Anche se attualmente non esiste una cura per la paralisi cerebrale infantile, esistono una varietà di trattamenti e terapie che possono ridurre i sintomi negativi e migliorare la funzione del paziente. Tali trattamenti e terapie includono:

Farmaci: Le persone con paralisi cerebrale infantile possono beneficiare di una varietà di farmaci diversi. Questi includono rilassanti muscolari (come botox e baclofen), farmaci anticonvulsivi, anti-infiammatori, e altro ancora.

Attrezzature mediche: Alcune persone con paralisi cerebrale infantile richiedono attrezzature come ausili respiratori, tubi di alimentazione e stimolatori del nervo vago (per controllare i disturbi convulsivi coesistenti). Esistono anche forme di dispositivi medici che forniscono farmaci importanti, come la pompa intratecala di per baclofen, che inietta continuamente una bassa dose di questo farmaco.

Chirurgia: Interventi chirurgici che possono migliorare i sintomi della paralisi cerebrale infantile e delle sue condizioni associate includono la neurochirurgia come la rizotomia dorsale selettiva (SDR), interventi chirurgici ortopedici come rilasci muscolari dell'anca, inserimento del tubo di alimentazione, e altro ancora.

Terapie: Le persone con paralisi cerebrale spesso vengono sottoposte a fisioterapia, a terapia occupazionale, a logopedia e ad una varietà di terapie complementari e alternative.

Oltre alle opzioni di trattamento e terapia di cui sopra, le persone con paralisi cerebrale spesso beneficiano di forme di tecnologia assistiva / adattativa, animali di servizio, programmi educativi e altre risorse.

Possibili cure in futuro: la ricerca scientifica

Oggi, la paralisi cerebrale infantile può essere tenuta sotto controllo, ma non curata. Tuttavia, il futuro sembra essere promettente.

La ricerca scientifica sulla cura dei danni cerebrali che causano la paralisi cerebrale infantile è focalizzata sui seguenti fondamentali temi:

  • la comprensione dei nessi causali
  • la prevenzione al fine di evitare il manifestarsi di lesioni o malformazioni cerebrali
  • le misure di intervento per contrastare lesioni cerebrali e malformazioni
  • il ripristino delle cellule cerebrali al fine di riabilitare le funzioni delle aree danneggiate del cervello

Recentemente, la ricerca sulle cellule staminali si mostra promettente. La ricerca sulle cellule staminali viene portata avanti per accertare se le cellule cerebrali danneggiate possano essere fissate o sostituite. In un esperimento condotto nel 2002 dal neurologo Evan Snyder presso la Harvard Medical School, sono state eseguite su topi iniezioni di cellule staminali. I risultati dello studio indicano che le cellule mancanti possono essere sostituite spontaneamente.

Anche se è troppo presto per sapere con certezza se i risultati di Snyder possano essere replicati nei bambini con paralisi cerebrale, gli scienziati sono fiduciosi.

Questi ultimi stanno lavorando sul presupposto che se si riuscisse a trovare un modo sicuro per manipolare le cellule cerebrali danneggiate così da sanarle o ricostituirle, condizioni come la paralisi cerebrale potrebbero essere curate, o addirittura guarite.

Oggi, mentre non vi è alcuna cura per la paralisi cerebrale infantile, è opinione diffusa che evitare i fattori di rischio prima del concepimento, durante la gravidanza, durante il travaglio e il parto, e dopo il parto contribuisca ad evitare che il proprio bambino sviluppi la paralisi cerebrale infantile.

L’esposizione ai fattori di rischio dovrebbe essere discussa con i medici affinché i rischi stessi possano essere gestiti e tenuti sotto controllo in maniera adeguata.

E’consigliabile scegliere con cura dottori competenti, accreditati ed esperti, insieme a strutture sanitarie eccellenti – tra cui l’ospedale per il parto – al fine di evitare errori umani ed organizzativi, o casi di malasanità. Essere consapevoli dei fattori di rischio è un primo passo verso la conoscenza.

La terapia, i farmaci, gli interventi chirurgici, le tecnologie di assistenza ed il ricorso, purché ponderato, ad alcuni interventi complementari ed alternativi sono comunemente impiegati per tenere sotto controllo la paralisi cerebrale.

Non tutte le menomazioni sono gravi, alcuni individui hanno compromissioni lievi che richiedono poche attenzioni, mentre altri possono essere affetti da forme più serie che richiedono cure maggiori o addirittura un’assistenza totale.

La condizione di ciascun individuo, a seconda della localizzazione, della portata e del livello di gravità del danno insieme al tipo di abilità motorie compromesse, è una condizione esclusiva dell’individuo stesso.

Avvocati per paralisi cerebrale infantile causata da malasanità

Se al tuo bambino è stata diagnosticata una paralisi cerebrale oppure se ritieni che il tuo bambino possa avere i sintomi della paralisi cerebrale, contatta lo studio legale GRDLEX oggi stesso per una consulenza gratuita.

I nostri avvocati specializzati in lesioni perinatali, con l’assistenza dei medici specialisti del nostro staff (ginecologo, neonatologo e neuropsichiatra infantile) possono stabilire se la paralisi cerebrale diagnosticata al tuo bambino sia la conseguenza della negligenza o imperizia del medico o della struttura ospedaliera e aiutarti a ottenere il risarcimento per i danni patrimoniali e non patrimoniali, necessario per garantire tutte le cure di cui il tuo bambino avrà bisogno nel corso della sua vita.

La procedura non ha alcun costo iniziale e pagherai solo a risarcimento ottenuto.

Fonti

  1. Paralisi Cerebrale Infantile,  GRDLex (Studio Legale Gallo & Partners), reperibile in https://dannidaparto.legal/paralisi-cerebrale-infantile
  2. Current State of Stem Cell Treatments for Cerebral Palsy: A Guide for Patients, Families, and Service Providers.” CanChild, reperibile su www.canchild.ca/en/resources/276-current-state-of-stem-cell-treatments-for-cerebral-palsy-a-guide-for-patients-families-and-service-providers.
TOP
Consulenza Gratuita Ora